Details

In vista della conferenza di Parigi, Pandora tv presenta l’intervento di uno dei massimi esperti internazionali sul cambiamento climatico.

(1696)

  • Le emissioni umane di CO2 nel 2013 sono state di 35 Gt (Miliardi di tonnella di CO2).
    Dal 1965 al 2013 sono state 1053 Gt.

  • 10’35″ dice: “abbiamo superato il punto di non ritorno”
    Della serie, i cambiamenti climatici ci sono e ce li terremo per sempre!
    Possiamo evitare di aggravarli, ma non evitare che si verifichino.

    • davide lenci

      Quando intende il punto di non ritorno si riferisce alla guerra.
      I cambiamenti climatici ci saranno sempre, il nostro pianeta ha sempre avuto dei periodi estremamente caldi ed estremamente freddi,
      questo non dipende da noi, perché l’atmosfera subisce una drastica mutazione, ma se continuano ad aumentare le temperature,
      sta tranquillo/a che la prossima glaciazione sarà imminente, poiché i venti
      aumenteranno come le piogge.

      • 1) Non mi sembra si riferisse alla guerra;
        2) Se fosse dovuto all’atmosfera che subisce una drastica mutazione, è una cosa che possiamo misurare e prevedere;
        3) Come può arrivare un’altra era glaciale con l’aumento delle temperature? Non è una contraddizione?
        4) Tranquillo e non /a (non lo vedi che sono maschio? :-) (Alessandro)
        5) Lo sò che il clima è sempre cambiato, ma studiarlo ci può dare il tempo di prepararci al cambiamento.

      • davide lenci

        Scusami errore mio, avrei dovuto leggere il nome.
        Certo che dobbiamo studiarlo il cambiamento climatico, per non essere colti impreparati. Eccome se ci arriviamo, basta
        che il nostro pianeta aumenti l’intensità delle piogge e del vento,
        ciò significherà che ci saranno dei cicloni anche
        dove normalmente nessuno potrà prevederli in tempo,
        e fidati che un ciclone raffredda l’aria,
        immaginati se ne arrivasse uno nel mediterraneo, che danni può combinare, ma in compenso scompone le molecole d’aria calda,
        generando quella fredda oltre a trascinarla in basso es: è come se
        io prendessi per la testa un bambino,
        la mia forza sarà superiore alla sua e posso trascinarlo dove voglio,
        cosi fanno i cicloni con l’aria fredda
        ( La trascinano con una forza che per noi esseri
        umani è distruttiva. ). Come vedi i problemi non finiscono qui,
        ci saranno anche molte correnti oceaniche
        che aumenteranno d’intensità, dando origine a delle inondazioni.
        In California ce ne sono tanti di casi dovuti alle inondazione,
        e con maggiore probabilità il continente semi roccioso,
        verrà nuovamente inondato, ma da correnti catastrofiche che arriveranno a raggiungere la faglia di San Andreas.
        Oppure metti caso che si faccia una scoperta sconvolgente sui deserti, in cui vengono registrati i primi casi di pioggia
        dopo 6000 anni, la temperatura terrestre cambierà per questioni di forza maggiore.

      • Il ciclone nasce dalle correnti ascensionali calde.
        L’aria calda sale perché più leggera e quella fredda scende.

        Nel Mediterraneo proprio qualche mese fa, ne è passato uno sotto la Sicilia e si è fermato per un pò nel mare difronte Catania.

        Se il livello del mare non aumenta, l’acqua può anche cadere sui deserti, ma poi vi riesce.

        Magari piovesse nei deserti, così aumenterebbe l’umidità e diminuirebbero le siccità.

        E’ chiaro che: se nel sistema atmosferico c’è maggiore energia (temperatura), tutti gli eventi meteorologici saranno di più forte intensità.

  • davide lenci

    Ormai il punto di non ritorno ci siamo finiti dentro. Siamo finiti tutti in guerra,
    in parte per colpa dei nostri politici, che si sono alleati con gli americani, e questa pessima scelta ci sta costando cara, perché se ci fossimo alleai con la Russia
    e con la Cina, questo disastro si sarebbe potuto evitare, ma come al solito le cose
    ci verranno raccontate all’ultimo secondo,
    perché siamo noi italiani i veri irresponsabili, ci facciamo tutti un lavaggio del cervello
    senza precedenti e nemmeno ce ne siamo resi conto.

  • marco

    Si e’ vero, moltissimi cittadini abbusano delle comodità che sono direttamente connesse al consumo di idrocarburi di qualsiasi specie, me compreso.
    Ma e’ anche vero che la gestione di un paese e’ affidata alla classe dirigente politica
    di turno, e nessuna di queste si e’ mai impegnata nel creare politiche eco sostenibili.
    Il bel paese, come viene chiamata L’ Italia, potrebbe essere quel volano che produce energia dalle risorse naturali come sole acqua vento terra. Immaginiamo i tetti delle case di tutte le citta con il fotovoltaico, le terre piu battute dal vento, il moto ondoso del mare, ecc. ecc.
    La politica odierna non vuole uno sviluppo verde rapido perche ancora non ha trovato la formula che sostituisce la rapina sulle accise.
    Infine quanti di voi si ricordano del genio di Tesla costretto all’angolo e abbandonato in vecchiaia in un albergo.
    Anche noi come Tesla moriremo con la rabbia di un sogno reale nel cassetto.

  • Cristiano

    Sul cambiamento climatico non si dice tutta la verità per quanto riguarda le cause delle emissioni. Ci sono studi che dimostrano che il 51% delle emissioni di co2 per anno è causato dalla presenza sul pianeta dell’immensa popolazione di capi di bestiame destinati alla macellazione. Stiamo parlando di 32 milioni di tonnellate di co2. Finchè non si parlerà apertamente di questo problema qualsiasi simposio sarà perfettamente inutile. Smettere di produrre carne a livello globale taglierebbe le emissioni del 50%……..