Details

Guerre del golfo 1991/2016, Il mondo era cambiato, doveva cambiare o forse, più propriamente, stava cambiando. Nessuno poteva dire con certezza come sarebbe cambiato, oggi però abbiamo gli strumenti per comprendere in pieno come nella prima Guerra del Golfo fosse in gioco non il Kuwait ma la leadership del mondo post-bipolare.

(2365)

loading...
  • Susanna

    Non ricordavo che Bush avesse detto quelle parole ma se le ha dette significa che tutto era pianificato dall’inizio e l’Europa è doppiamente colpevole per non avere fatto assolutamente nulla per fermare questi pazzi che porteranno alla distruzione del genere umano.

    • davide lenci

      Più che distruzione sarebbe l’ennesima sottomissione, perché non distruggeranno mai ciò che gira intorno ai propri interessi, solo per
      questo ci tengono ancora vivi.

  • davide lenci

    Che sia maledetto Gorbaciov e lo stesso Eltsin, che hanno distrutto quello che
    doveva essere anche un loro paese ( Erano dei traditori! ); per colpa di costoro
    stanno morendo milioni di persone, e sono colpevoli della distruzione della
    Jugoslavia, della guerra in Iraq, Afghanistan, Libia, Siria e Ucraina. La NATO
    anche se si è allargata farà la stessa fine dell’impero nazista, cioè verrà
    cancellato e gli americani pagheranno a caro prezzo tutti i debiti di guerra
    che corrisponderanno al 200% del P.I.L. U.S.A. Gli americani non
    meritano alcuna pietà, anzi devono pagare e pagheranno per la loro
    presunzione.

    • lore90

      Gorbaciov non ha mai voluto la dissoluzione dell’URSS, ha cercato di rimediare ai disastri dei suoi predecessori, che havevano dissanguato il paese con spese militari folli che l’URSS non poteva permettersi a differenza della controparte USA. Per quanto riguarda il popolo americano, sono vittime dei poteri forti e dei loro governanti come lo siamo noi.

      • davide lenci

        Che sciocchezze dici? L’Unione Sovietica poteva eccome continuare la guerra contro gli U.S.A. poiché l’esercito sovietico aveva sconfitto gli Stati Uniti nel Vietnam insieme alla Cina, quindi smettila di leggere altre sciocchezze scritte dagli americani. Gorbaciov eccome se
        l’ha voluto e siete ancora voi ipocriti a negarlo, per questo i russi
        lo odiano e costui nemmeno ci vive in Russia, perché lo sa di
        avere sbagliato e di aver condannato tanta gente a morte certa.
        Sciacquati la bocca quando parli dell’Unione Sovietica e della
        Russia, poiché la gente che vi ha vissuto quell’epoca mi ha raccontato tante di quelle cose che il giornalismo occidentale ha
        sempre negato. Persino i miei amici che vivono nelle località
        del Donbass riconoscono Gorbaciov come traditore, corrotto e in
        fine come complice.

      • alex1

        Condivido in pieno. I Russi non possono sopportare Gorbaciov, un motivo ci sarà pure. Personalmente non credo molto che a causare il tracollo siano state solo le spese militari che erano di molto inferiori a quelle USA, anche se loro potevano indebitarsi e stampare dollari all’infinito. Credo ci sia stato anche un disegno politico. A noi ci facevano vedere cento volte la stessa fila (dicevano per il pane) ma fino al 1988 i livelli di sanità ed istruzione erano a livelli occidentali.

      • davide lenci

        L’istruzione americana nelle scuole pubbliche è indecente, mentre nelle scuole private ti fanno un lavaggio del cervello che persino i nazisti non
        erano capaci di fare a quei livelli, più indecente di quella americana
        non ne trovi, persino nei paesi NATO la gente è meglio istruita, ma quella
        che c’è in Russia è la migliore e i russi sono anche per questo più aperti
        al dialogo, poiché ho conosciuto tanti bravi insegnanti che invece di farti l’interrogazione sul libro di testo, ti facevano una domanda di cultura generale sull’argomento trattato, valutavano quanto i loro stessi alunni
        erano istruiti e aperti al dialogo.

      • alex1

        Onestamente ho avuto esperienze alla UCLA, Universita’ pubblica ma con rette che si avvicinano a quelle delle universita’ private medie. Molti aspetti positivi ma anche qualcuno negativo. Porte aperte per studenti e ricercatori stranieri con possibilita’ di avere lavori e borse di studio per mantenersi, porte che si possono facilmente chiudere “de facto” se qualche contenzioso nasce con il tuo advisor, se I fondi finiscono o se torni troppo spesso al tuo paese. A me e ad altri, stranieri sopratutto e’ capitato di vedersi chiudere la porta in faccia dopo tre anni di onorata attivita’ universitaria da student “graduate” e da teaching assistant senza poter conseguire il titolo di Ph.D. Nessuna espulsione per demeriti per carita’, solo “consigli” di cambiare universita’ (e fondi tagliati ovviamente). Mi sarebbe piaciuto fare un esperienza simile in Russia, ma non conosco la lingua. Ho avuto una buona impressione a sentire che diversi centinaia di Italiani lavorano nelle universita’ russe. E che la maggior parte accettano student solo per meriti e non per rette pagate. Poi non saprei dire di piu’.

  • la forza degli Usa è la Nato. e i paesi che ne fanno parte sono dei criminali.