Details

Giulietto Chiesa interviene all’assemblea nazionale della Lega per illustrare il significato della campagna No Guerra No Nato.

 

(7323)

  • dorian

    Grazie sig Chiesa.Avanti cosi.Tutto vero

  • alex1

    L’Ucraina, o meglio chi la governa oggi, ha chiesto ufficialmente l’ingresso nella Nato. Hollande ha dichiarato:”L’Europa non puo’ fare a meno dell’Ucraina”. Piu’ chiaro di cosi’…

    • davide lenci

      L’Ucraina non entrerà mai a far parte della NATO, perché ci sono molti gruppi dell’opposizione che ne distruggeranno il sistema, proprio come hanno fatto in Grecia con la politica di Tsipras,
      e lo faranno anche gli altri paesi dell’est, se la situazione continuerà a
      peggiorare. Si è scoperto che in Germania stanno ritornano
      con la loro vecchia moneta, perché l’euro si sta demolendo e con esso
      l’intero mercato subirà drastici cambiamenti,
      ciò per la Russia significherà una terza vittoria, talché non ci saranno
      paesi nel contrastare le sue scelte politiche.
      Potrà apparire strano/sconvolgente, ma se ci rifletti a noi questo
      espansionismo della NATO, non ci porterà mai alcun beneficio,
      giacché siamo circondati da non pochi oppositori sia interni, che esterni.
      L’Annessione di Crimea è stata fatta per volontà dei suoi stessi cittadini,
      e cosi succederà con l’Ucraina, perché quella è la terra dei russi,
      non degli occidentali, le cose stanno cosi e non cambieranno mai,
      per cui il giudizio di Hollande è troppo superficiale,
      purché costui non conosce le vicende storiche, che hanno portato
      alla rivolta interna contro Kiev.

      • alex1

        Non sarei cosi ottimista, le vicende storiche hanno un peso, ma alla fine contano i rapporti di forza. Mai sentito parlare di guerre di conquista? La Yugoslavia apparteneva all’occidente? Non mi pare, ma l’hanno smembrata con la forza pezzo per pezzo. Certo non e’ stato facile ci sono voluti 10 anni, ma non credere che con l’Ucraina non ci proveranno. Con ogni mezzo.

      • davide lenci

        La Jugoslavia era troppo vulnerabile per combattere, ma per conquistarla si sono perse quasi 5 milioni di vite,
        mentre con l’Ucraina le morti ammonteranno a 3 miliardi,
        ed i primi a perderci saremo sempre noi,
        o le cose potrebbero ribaltarsi ancor prima dell’inizio.
        Abbiamo già perso 2 guerre e con la terza il costo
        sarà di gran lunga più alto. anche se ci proveranno ricordati questo antico detto ” Il gioco non vale la candela. “.
        Non sono ne i numeri e ne tanto meno la tecnologia a far vincere la guerra, poiché basta fare il passo più lungo della gamba,
        per subire la sconfitta più dura della storia, perché quella nazione
        anche se provassero a conquistarla si sfascerà in due,
        ma i russi non accetteranno, poiché lo considerano un affronto.
        Anche la Georgia si è dovuta mettere in ginocchio,
        ma a quell’epoca la popolazione aveva più spirito di sacrificio,
        e non ti sto parlando di chi sa quanti anni,
        ben presto faranno tutti la stessa fine, quando i russi si arrabbieranno e da quel giorno avremmo il rimpianto
        di esserci alleati con la NATO. Un giorno quest’incubo finirà,
        ma ad un prezzo ” La distruzione del nostro sistema. “.

  • Gianfranco Menotti

    Bisogna parlarne con tutti e fare presto.C’è rimasto il passaparola.Tutti i mezzi di comunicazione ,i giornalisti ,sono sotto ricatto.Se ti agiti troppo ti tolgo le inserzioni pubblicitarie e ti faccio annegare.Se non segui la “linea editoriale” ho pienamente diritto di sbatterti fuori,Anche i giornali cosidetti di opposizione stanno ben zitti.Non dico solo La Padania, ma anche il Fatto quotidiano, La Repubblica,Il Manifesto,cercano di stare nel Main Stream informativo.Risultato della riduzione del finanziamento pubblico della stampa .Non si può fare altrimenti,dite? e allora teniamoci solo giornali e media che hanno i capitali privati e che possono pagare o strangolare chi non ci sta.

    • alex1

      La Repubblica sarebbe un giornale di oppositione? Ma se piu’ renziano di Renzi! Piu’ filo UE del parlamento Europeo!sui politici corrotti attenzione. poi a non confondere la causa con gli effetti.

  • davide lenci

    No guerra, non N.A.T.O. Gli americani sono gli artefici di questo disastro,
    e questa informazione dovrebbe girare in tutti i social network.
    La Germania da quel che si è saputo sta ritornano con il marco tedesco,
    perché l’euro sta perdendo valore come sta accadendo con il dollaro
    statunitense e quello canadese. Molti paesi come la Moldavia si stanno per
    annettere con la Russia e con essa si uniranno anche gli altri.
    Tra Cina e Giappone si sono trovati degli ottimi rapporti diplomatici, per impedire la guerra, mentre l’India che si è unita con gli Stati Uniti sta crollando
    la sua crescita economica, e ciò sarà un enorme vantaggio per i cinesi che sono ritornati ad una crescita esponenziale.
    L’Iran sta tenendo sulle spine l’esercito israeliano e quello arabo,
    per costringerli ad abbandonare lo Yemen.

  • marcoferro

    mi chiedo come faremmo se non ci fosse Giulietto Chiesa. chi ci informerebbe con le notizie vere, quelle interessanti per la nostra vita ?

  • caro giulietto, ok il creare un fronte il più ampio possibile, ma che abbia un minimo di omogeneità.
    a mio modesto parere un interlocutore come la lega nord può creare più conflitti che soluzioni.
    Poi e parlo ovviamente solo a titolo personale, se ci fossero in mezzo anche soggetti come casapuond, io non potrei seguirvi..
    lo dico dopo un attento e profondo esame di coscienza, con il massimo dell’onestà
    Continuerei sempre a supportare le repubbliche popolari, ma ahimè in altre piazze.

    • Massimiliano Max Corvi

      meglio loro che la nostra sinistra

      • la nostra sinistra è parcellizzata per colpa dell’incapacità o della manifesta malafede di una certa dirigenza.
        E appunto questa dirigenza che ha mortificato, umiliato e disperso un patrimonio di militanza ed energia generosa e intelligente.
        Non vedo perché, invece di cercare di recuperare e ricompattare questo fiume carsico che seppur sommerso esiste, si senta il bisogno di umiliarlo e confonderlo ancora di più mandandolo a pescare i fascisti nelle fogne.
        ho già dovuto sopportare i dalema, i Bertinotti, i vendola e i napolitano.
        Personalmente mi eviterei il disgusto della compagnia di soggetti come salvini e iannone.
        non credo proprio di meritarmelo.
        per mio conto il 18 aprile ho sostenuto le repubbliche popolari con il corteo di patria socialista (la sinistra che personalmente mi piace) e farò altrettanto domani, confermando i miei ideali antifascisti come ogni anno al corteo di porta san paolo.

    • alex1

      Penso che se un idea e’ giusta ed un iniziativa e’ necessaria ed urgente, vada portata a tutti. Piu’ adesioni, piu’ partecipazione si ottiene, piu’ chance si otterranno. Sara’ la base a fare pressioni ai vertici per portarli su certe posizioni. Inoltre mi sembra che le piazze della sinistra siano abbastanza distratte, per non dire di peggio, su certi temi.

  • paco

    Intanto fuori la NATO dall’Italia. Per essere più espliciti, niente basi militari straniere in Italia. Purtroppo l’esercito di giornalisti alzeranno alte grida di sdegno in difesa dell’articolo zero della costituzione che recita ‘L’Italia sarà eternamente grata agli americani per aver dato loro la libertà manifestando questa loro gratitudine ospitando permanentemente loro basi militari e partecipando alle loro guerre’. E l’articolo zero non essendo scritto non è possibile abolirlo e annulla tutti gli altri articoli che possano essere in conflitto.

    • alex1

      Proprio poco fa su Rai2 in una trasmissione dove era presente anche Lupi ed un redattore del ‘Giornale’, la conduttrice leggieva con enfasi un messaggio mandato. da una fantomatica “Rossella O’ Hara” che dice “L’Italia e’ stata liberata dagli americani e non dai partigiani” fra il malcelato entusiasmo dei partecipanti e qualche scherno ai partigiani, e pensare che stiamo vicini al 25 aprile.

      • Luigi B.

        Scusa ma hai letto quello che ho scritto? No grazie, caschi male, non sono uno snobista politico. Di forze sane non ho l’indirizzo in tasca ovviamente (ironia fuori luogo e spicciola) ma so distinguere e riconoscere le forze culturalmente e politicamente sane di questo paese. A cominciare ovviamente da quelle persone, compagni, democratici (no P.D grazie né M5S) antifascisti ecc. che con una mobilitazione di massa (20.000 e più presenze) hanno espresso pubblicamente, lo stesso giorno in quel di Roma, anche per me, il dissenso/rifiuto della presenza dei fascio–leghisti in piazza del Popolo circa un mese orsono. Fascio-leghisti che non di certo manifestavano per l’uscita dall’Italia dalla Nato.
        A te caro Alex1 che a giusta ragione ti indigni ai messaggi provocatori di tali rosselle “del piffero” o’hara riguardo al
        25 Aprile, vorrei ricordare che i leghisti sono stati fautori/sostenitori
        assieme al loro ministro dell’economia tal Tremonti della proposta di abrogazione del 25 aprile, 1°Maggio e 2 Giugno perché il paese era in crisi. Guarda caso tutte feste della Repubblica nata dalla Resistenza (non feste religiose tipo pasqua, natale, santi e madonne varie del nostro papalissimo calendario). Furono
        seppelliti, nell’arco di giorni tre da più di mezzo milione di firme che
        sottoscrissero la petizione, proposta dalla CGIL contro tale provocazione. E, questi dovrebbero essere gli “alleati” del “…..il sottile, bisogna parlare a chiunque…….” Questi non sono chiunque sono razzisti, fascisti e servi dei padroni. Insomma la vedi (vediamo) la politica economica e culturale di questi o no? E con questi ci dovrei fare qualche alleanza seppur strategica?
        Come dice qualche genio della politica? Ma per favore, in po’ di dignità! E per cosa poi? per qualche firma in più che non sei neppure sicuro che arrivi? L’obiettivo politico proposto è lontano anni luce dal loro credo. Suvvia siamo seri e magari credibili nel cercare alleati o compagni di viaggio su obiettivi importanti come della presenza o meno dell’Italia nella NATO.
        Raccolte di firme:
        va bene internet ma insufficiente, si dovrebbero raccogliere nelle piazze, ai mercati rionali, casa per casa (porta, porta) parlando, argomentando, spiegando alle persone l’iniziativa. Insomma facendo politica e attività culturale in questo paese immondato dall’immondezzaio culturale dei telegiornali veline, talk show ecc. gestiti da giornalisti prezzolati imbonitori da fiere e mercati al soldo dei padroni e di governanti da “ruota della fortuna”.
        Per ultimo, mi piacerebbe sapere se la sortita del Giulietto è stata concordata con il Comitato promotore la raccolta delle firme o è stata un’ iniziativa individuale. Comunque sia, nel
        caso in cui sia stata concordata oppure no, c’è da stare politicamente preoccupati. Saluti.

      • alex1

        Oggi chi parla di ‘democrazia’ e di valori democratici ad ogni discorso è da diffidare. Come minimo vuole la conservazione dello status quo. Riguardo alla lega so bene la sua natura, ma pensi che i suoi sostenitori vengano da Marte invece di trovarli nei mercati e nelle piazze che tu dici ? Quindi meglio cercare di parlarci o sono da evitare come appestati? E non pensi che fra i sostenitori di quelle nefandezze fra le guerre a stati vicini e sovrani non ci siano stati molti fra i “democratically correct ” che tu citi? Nel 1992 una consiglira della lega propose ‘bombardiamo Belgrado ‘ fra lo scandalo dei pidiessiNi e loro alleati. Solo sette anni dopo i ‘democratici di sinistra ‘ appoggiarono con entusiasmo mettendo a disposizione tutte le basi ed il supporto necessario alla guerra contro la Yugoslavia, senza che essa avesse sparato un solo proiettile contro L’Italia. Con il governo più a sinistra della storia repubblicana italiana.quindi?

      • alex1

        Inoltre non ci sono fra i leaders della raccolte delle firme molti degli entusiati della guerra alla Libia del 2011, mai veramente finita, e quelli che si scagliano contro il ‘macellaio Assad’ arrivando a farsi fotografare sorridenti insieme ai terroristi di Al Nushra con la bandiara nero bianco verde?

      • paco

        A mio immodesto parere sarebbe utile una franca e profonda riflessione sulle vicende militari e sociali del secolo scorso che hanno portato all’attuale stato di cose. Intanto riflettere sulle scissioni che sono avvenute nel blocco socialista riconducibili sostanzialmente alla contrapposizione fra pacifisti e non, fra antimperialisti e imperialisti.

  • Giustizia Dove Sei

    Per una colonia liberarsi è tutt’altro che facile, purtroppo

  • Senza Spirito

    Al minuto 5:24 con grande gestualità perentoria quanto suadente si afferma che la Russia non si è impadronita di nessun centimetro quadrato esterno. Beh ai legisti immagino si possano anche dire simili baggianate :D (Crimea, Donbass, Ossetia, Abkazia, e se vogliamo in virtù dello spirito di grande indipendentismo popolare che spopola tra i sostenitori della Russia di Putin per l’autodeterminazione dei popoli, gran finale con la Cecenia, costata un numero di morti pauroso tra ceceni e poveri ragazzi coscritti russi buttati al macello). Non male per una nazione in decomposizione socio-economica che si dimena per riappropriarsi dell’impero zarista. I confini e gli stati come li definisci caro Chiesa, a sentimento?

    • paco

      La Russia è naturalmente avvertita come la naturale erede dell’ex URSS.
      L’URSS è stata la principale protagonista della vittoria contro le armate tedesche e loro alleati. Questa vittoria le ha permesso di occupare militarmente paesi che, anche se in modo non lineare e completo, si erano schierati con l’avversario. Ha occupato anche buona parte della Germania e, addirittura, sulla capitale tedesca hanno issato la bandiera rossa. Hanno insediato le loro basi militari nei paesi occupati e costituito un’alleanza militare denominata Patto di Varsavia Altrettanto hanno fatto gli americani, hanno occupato l’Italia, parte della Germania e il Giappone, installato le loro basi militari in questi paesi e costituito un’alleanza militare detta NATO in funzione anti sovietica. Nel 1990 unilateralmente la Russia ha ritirato le sue basi militari dai paesi occupati e sciolto l’alleanza militare e non perché ha perso la guerra (fredda) ma per nobili motivi ideali. Perché gli americani non hanno fatto finora altrettanto? A cosa servono le loro basi militari in Italia (e direi, Germania e Giappone, ma ognuno si interessa del prorio)? A cosa serve la NATO? Per difenderci da chi? Finora ha provocati solo danni per l’Italia, danni in vite umane e danni economici. L’Austria non fa parte della NATO e non ne soffre per niente, così come la Svizzera ed altri stati.
      Diverso sarebbe il discorse se ci fosse un’alleanza difensiva europea in difesa degli stati europei e dei loro interessi che non sempre coincidono con le arroganze imperiali degli USA ( e di altri).

      • Senza Spirito

        Vittoriosa o meno l’Urss era una dittatura del tutto simile a quelle nazifasciste e produceva verso i propri abitanti (non cittadini) pene ben maggiori a quelle subite nei numeri e nella pervasività nelle dittature del resto d’Europa. Non è stata la principale protagonista, e non capisco perché sentite sempre il bisogno di fare l’altarino ideologico all’URSS a distanza di 80 anni. Diciamo che ognuno ne ha messo del suo. Riporto qui un po’ di cifre magari da verificare, dei ben noti aiuti all’URSS Aircraft………………………..14,795
        Tanks……………………………7,056
        Jeeps…………………………..51,503
        Trucks…………………………375,883
        Motorcycles……………………..35,170
        Tractors…………………………8,071
        Guns…………………………….8,218
        Machine guns……………………131,633
        Explosives……………………..345,735 tons
        Building equipment valued…….$10,910,000
        Railroad freight cars…………….11,155
        Locomotives………………………1,981
        Cargo ships…………………………90
        Submarine hunters…………………..105
        Torpedo boats………………………197
        Ship engines……………………..7,784
        Food supplies…………………4,478,000 tons
        Machines and equipment…….$1,078,965,000
        Noniron metals………………….802,000 tons
        Petroleum products…………….2,670,000 tons
        Chemicals………………………842,000 tons
        Cotton……………………..106,893,000 tons
        Leather…………………………49,860 tons
        Tires………………………..3,786,000
        Army boots…………………..15,417,000 pairs
        2,680,000 tons of steel 170,400 tons of aluminum 29,400 tons of tin 240,000 tons of copper, 330,000 telephone sets and some one million miles of cable 2,000 radar sets 5,000 radio receivers 900,000 tons of projectiles and explosives 3,786,000 tires 49,000 tons of leather 18 million pairs of shoes more than six million tons of provisions three million tons of gasoline 900,000 tons of chemical products and 700,000 trucks.

        Sul ritiro per nobili ideali… suona bene ma non è proprio così. Sul gradimento dell’occupazione sovietica che ha devastato mezza Europa per 40 anni, rispetto all’occupazione democratica americana son discorsi da ragazzini, e sfido chiunque a preferire i due tipi di “occupazione”, conseguenze, sviluppi, possibilità, anche di avere vite più “normali” con il tanto vituperato benessere.

      • alex1

        Ho forti dubbi sulla veridicita’ di quei dati. Mi chiedo inoltre con quali mezzi li avrebbero trasportati quelle enormi quantita’. In ogni caso la vittoria e’ stata conseguente agli enormous sacrifici in milioni di vite umane dei russi, che non hanno consentito ai tedeschi di impossessarsi dei pozzi petroliferi delcaucaso e delle industrie pesanti di Leningrado.

  • Luigi B.

    Relativamente al tema della pace e della guerra
    e non solo, concordo sulla “distrazione” da parte della generica sinistra nostrana, da alcuni evidenziato. Quest’ultima da tempo sottovaluta/snobba questo tema, nonostante segnali preoccupanti, soprattutto dopo il colpo di stato nazi-fascista perpetrato in Ukraina e sostenuto dai democratici Usa e UE. Da qui, definire interlocutori coloro che hanno manifestato qualche settimana orsono a Roma in compagnia/alleanza dei fascisti di Casa Pound, francamente mi sembra eccessivo e, per quanto mi riguarda, politicamente irricevibile.
    Naturalmente mi pare inutile ricordare che i nazi-fascisti di Casa Pound hanno sostenuto, osannato, appoggiato i golpisti nazi-fascisti ora la potere in Ukraina (sostenuti da Usa e UE) e massacratori del “loro” popolo nel Donbass nonché propugnatori della brutale e criminale massacro avvenuto in Odessa.
    Dei Leghisti e della loro presunta verginità politica (che è quello che
    in questi tempi stanno spacciando all’opinione pubblica con relativo
    successo, grazie guardacaso anche ai mass-media asserviti al governo e al padronato straccione) non è il caso di ricordare che
    se la situazione politico-economica, di latrocinio/corruttele ecc. del paese è
    questa è merito anche dei leghisti, grazie alla loro partecipazione al governo da 20 anni (Berlusconi, Bossi, Fini e compagnia cantando non ricorda più
    nulla?) e che ancora oggi nel nord d’Italia questi governano da decenni
    importanti Regioni con piglio razzista, individualista e politiche economiche
    ultraliberiste (nonché corruzione, latrocinio imperante. Expo????) con alleanze
    che includono da sempre forze di destra. E quando fanno demagogia sugli sbarchi
    e non solo, questi signori e non solo loro fingono di non ricordarsi e molti se
    ne guardano bene dal ricordaglielo che a bombardare i paesi mediterranei del
    nord Africa (Libia ad esempio) erano governi a cui loro stessi attivamente
    partecipavano.
    Eppoi vi sarebbe ancora molto da discutere, in particolare di: certa sinistra senza aggettivi o presunta tale; del fatto che sarebbe più utile lavorare per riaggregare forze culturalmente sane di questo paese piuttosto che interloquire con questi camaleonti vestiti di verde-nero. Lo spazio qui del resto è ristretto e “impersonale” per affrontare argomenti che andrebbero discussi guardandosi in viso.
    Grazie per la pazienza e saluti.

    • alex1

      Scusami ma dove le trovi le forze ‘ culturalmente’ sane? Hai l’indirizzo in Itasca? Oggi non si puo’ stare a guardare troppo per il sottile, bisogna parlare a chiunque sia disposto ad ascoltare e riflettere. A prescindere dai suoi passati politici, dalla sua cultura e posizione sociale. Altrimenti si arriva ad uno snobisno radical chic, che non serve alla causa.

      • no aspè fermati….
        un conto è lo snobismo un conto è infilare le mani in un sacco pieno di diarrea nel tentativo di estrarne un tramezzino per la colazione.
        io sono di formazione ML/maoista,, ma visto che persino strutture come falce e martello (trotzkisti, il mio opposto) appoggiano le repubbliche popolari, sono disposto a lavorare con loro senza guardare troppo le differenze, persino con gli anarchici o addirittura con i preti.
        Ortodossi, cattolici o buddisti che siano, chiuderò gli occhi per non vederne il saio, mi tapperò il naso per non sentirne la puzza e lavorerò gomito a gomito con loro.
        Ma anche nel fronte ampio, bisogna porre dei limiti.
        Elementi che sono sempre stati il cane da guardia del potere, come i fascisti, non solo mi ripugnano a livello umano (lo stesso mozgovoi, che raccoglie e cura pure i feriti ucraini, però fa una distinzione coi fascisti ed è spietato con loro), ma li considero politicamente controproducenti.
        invece di fare numero fungerebbero da:
        1: quinta colonna esterna (da santiago a Kiev sono sempre stati lo zerbino americano)
        2: da elemento disgregante. io e molti altri , diversi tra noi, ma disposti ad accantonare le differenze, ci rifiuteremmo nettamente di lavorare fianco a fianco con i topi.
        Lo sforzo di sintesi deve essere fatto con le forze omogenee che al momento sono presenti ma disperse in mille rivoli.
        No non si può caricare chiunque.
        Se no, non faremmo che dare acqua al melmaio dove sguazzano soggetti come la zunini.
        Pensa se nelle lotte a fianco di irlanda e paesi baschi, avessimo accolto nel movimento anche i fasci invece di marginalizzarli.
        Non credo che avremmo fatto il bene e la sensibilizzazione positiva che abbiamo invece fatto.
        Citando Nietzsche : “chiunque combatta i mostri, deve stare ben attento a non diventare un mostro egli stesso”
        detto questo, vi saluto e vado a roma al corteo.
        Buon 25 aprile, buona libertà!
        ora e sempre resistenza

      • alex1

        Si forse non mi sono spiegato al meglio, non intendevo dire che i leaders della lega nord possano diventare interlocutori. Tuttavia fra i militanti ed i semplici simpatizzanti ci sarà qualcuno, anche fosse un 5% che possa voler capire come stanno le cose? Che ha agito per ignoranza, magari pensava veramente che gli immigrati prendano tutti uno stipendio per non fare niente, che gli impiegati pubblici siano tutti disonesti che partigiani erano briganti e che solo la piccola borghesia del Nord? Io sono simpatizzante di L.C. e qualche volta ho però l’impressione che si prenda sottogamba la resistenza antimperialista che si è manifestata nel mondo (dalla Palestina al Nicaragua, ieri la Libia, oggi il Donbass) perché di estrazione borghese o perché i partiti comunisti sarebbero ‘nazionalisti ‘ o filorussi. La mia domanda è

      • infatti ripeto… marxisti puristi è un conto, fascisti e giù di li è un altro…
        posso tranquillamente sorvolare sul primo, ma rimane un punto fermissimo il secondo

      • Franco

        Spero che non sfilerai certo con chi il comunismo non sa più neanche dove sta di casa!…Tutti a festeggiare il 25 aprile e poi?…Tutti con i nazi di Kiev che in questo momemto hanno ripreso il bombardamento di Gorlovka…noi ufficialmente siamo la Nato no? Gli americani sono stati i nostri liberatori contro i nazisti no? E per contribuire ai festeggiamenti i nazisti di Kiev appoggiati da noi riprendono i bombardamenti!…forse c’è qualcosa che stride, non credi?…mi sembra che ci sia qualcosa che non và!
        Oggi buon 25 aprile possono dirlo in pochi, spero che voi siate fra quelli!

        Donbass Libero-Libero Donbass

      • ma guarda in genere i compagni con cui sfilo io con quelli del pd (negli anni 90 PDS) hanno in comune solo una delle due estremità dello stalin.
        piazza san giovanni ottobre 1993 da una linea definitiva nei rapporti con quelli di cui parli tu.
        ma lo stesso mao diceva che ci sono più idee nel fucile di un brigante che nella testa di un democratico.
        parole sante.
        eh no…. mi spiace dirtelo….
        quando gli americani arrivarono su al nord questo si era già liberato da solo da un pezzo e aveva fatto in tempo a strutturarsi in repubbliche partigiane, con il buon secchia che non aveva la minima intenzione di deporre le armi.
        è famosa la frase di un generale inglese che passando in rivista i reparti della garibaldi esclamò seccatissimo ” diamine! se avessimo voluto che voi formaste un maledetto esercito, vi avremmo dato noi i carri armati”

      • Franco

        Ma certo…io ti ho menzionato quello che ufficialmente si dice per farti notare la contraddizione nel comportamento.

  • Franco

    Come ho scritto nel precedente articolo delle tre I….

    Di Paolo Barnard:
    [ 'Belle anime di sinistra’, voi sapete quanto vi stimo, all’incirca
    come una cloaca di un treno. Fate schifo oggi tutti con la mano sul
    cuore, gli occhi dal lucido al furente, di fronte a questa strage dei
    poveri senza fine sui fondali del mare che separa la disperazione senza
    nome di chi vi ha fatto la maglietta che indossate, o di chi vi ha dato
    il Coltan per i vostri cellulari, e la bella vita degli europei.

    Con voi ipocriti ho chiuso da tempo, fin dal mio “Per un Mondo Migliore”,
    che naturalmente voi ignoraste perché vi chiedeva di RIPENSARVI,
    stronzi.
    Per voi, per le vostre Feste dell’Unità coi banchetti per i Poveri, i
    vostri Nanni Moretti, le vostre idiote bandiere della pace, o il vostro
    Benigni, il consiglio è sempre lo stesso: kill yourselves.]

    Come dargli torto?…Ma la verità è che comunque due sono le
    questioni che stanno producendo questo disastro che si chiama Africa del
    nord, Medio Oriente:

    una è la guerra fra sunniti e sciiti con l’Arabia
    Saudita con la complicità dei Governanti bellicisti Statunitensi che
    hanno armato, addestrato e continuano a foraggiare l’Isis. Questa guerra
    che si rivolge contro l’Iran e l’Iraq sciiti ma che ha risvolti non
    tanto religiosi ma di scontro di potere geopolitico nell’area.

    Inoltre la guerra in Siria che è iniziata quando i Governanti di Damasco si
    sono rifiutati di far passare nel loro territorio il gasdotto
    sponsorizzato dai kuwaitiani e contro gli interessi della Russia.
    Inoltre accanto a questo abbiamo i risultati della guerra democratica
    contro la Libia di Ghaddafi. Infine vorrei far notare che in mezzo a
    questo cataclisma c’è comunque il DISEGNO DELLA GRANDE ISRAELE, che ha
    condizione lo smembramento dell’Iraq, lo smembramento della Siria, la
    creazione dello Stato Curdo, in sostanza fra Israele e Arabia Saudita
    c’è una alleanza di fatto, che è anche confermata dal sostegno che viene
    dato ai ribelli antisiriani….

    Smettiamo di guerreggiare, usciamo dalla Nato, rimettiamo a posto gli
    USA a casa propria, togliamo le sanzioni a Russia e Iran che danneggiano
    più noi che loro e che non sono giuste, riprendiamoci la libertà di commerciare con
    tutti…russi ,americani, arabi etc….promuoviamo una cultura economica
    e non finanziaria di investimenti che non c’entra nulla con i problemi
    del nord Africa e con tanti saluti a Mosley e Draghi, i suoi
    investimenti , cosa possono contro la sovrapopolazione , la
    religione , il monetarismo , il classismo , la perdita di contatto con
    l’economia reale ? Servono forse investimenti per l’economia reale ? O la
    promozione di una cultura dell’economia…Ma tutto questo non sarà
    possibile perchè:

    Tutto questo piano è stato architettato da tempo per far collassare l’Europa .
    L’attacco a Gheddafi ,la creazione dell’ ISIS, le sanzioni all’Iran ( In generale tutto il Caos Mediorientale)
    La guerra in Ucraina per compromettere la Russia etc…
    L’Impero Angloamericano sta collassando e l’unico modo che hanno per
    sopravvivere è quello di cannibalizzare i potenziali oppositori / concorrenti .
    Se non si guarda il fenomeno in chiave geopolitica non si puo’ comprendere nulla di utile .
    I 3 Blocchi sono prossimi allo scontro e il campo di battaglia è l’Europa
    impegnata in Mediterraneo e con l’Ucraina…. mentre la Cina stà a
    guardare il da farsi….! E gli USA alla fine lo prenderanno in quel
    posto con la più grande svalutazione della storia del dollaro, visto che
    non ne hanno combinata una giusta!
    E in mezzo a tutto questo caos ci siamo noi!
    Non è il caso di tirare fuori gli attributi?….Iniziamo a pensare al modo per risvegliare le coscenze dei compagni in fuga, sfiduciati e stanchi, non è facile far ritrovare la forza di volontà per riprendere la lotta agli esodati, alle famiglie che non riescono a pagare le bollette e fanno il bagnetto ai bimbi con l’acqua fredda, ai pensionati che comprano cibo per gatti, agli sfrattati disoccupati con famiglie a carico, ai lavoratori che non riescono a sbarcare il lunario o in cassa-integrazione, ai disoccupati che aspettano da anni, ai ragazzi che hanno perso la speranza a furia di sentirsi dire ” terremo in considerazione la sua domanda” e poi non succede nulla perchè non sono raccomandati, al papà divorziato che dorme in auto perchè non riesce a mantenersi un affitto, ai laureati e non che si “arrangiano nel call center” e poi mangiano alle mense gratuite per i diseredati, agli studenti che si chiedono “dopo la laurea o il diploma cosa farò?” senza vedere un futuro se non pieno di difficoltà e problemi visto come arrancano le famiglie di molti etc….Si certo ci sono anche quelli che lavorano, ma il sistema li ha fatti diventare cinici ed indifferenti, tanta solidarietà neanche a parole e sopratutto niente fatti, troppo comodo il tran-tran quotidiano pensando che tanto tutto si risolverà…per molti il problema diventa dramma ed invece di risolversi si tramuta in tragedia!…Far capire a questi milioni di persone in difficoltà certi principi di coscenza popolare del diritto alla vita non è certamente facile, ma anche se cinicamente si può far leva sulle loro difficoltà ed esigenze per dargli una speranza onde trovare la forza per ribbellarsi al degrado che il sistema gli ha riservato… potrebbe essere un inizio…qualche coscenza potrebbe risvegliarsi e piano piano l’unione farebbe la forza e allora dai sempre più avanti contro l’ipocrisia borghese e capitalista!…Pensate che in una società consumistica come quella di oggi questo sia possibile?…….!!

    DONBASS LIBERO-LIBERO DONBASS

  • Gustavo Guaccero

    Sono d’accordo!

  • Giorgio Romano Vitali

    NULLA DA ECCEPIRE A QUANTO DICHIARATO DA CHIESA. E tuttavia occorre ricordare che un eventuale conflitto allargato deve essere denominato quarta guerra mondiale essendo la terza la cosiddetta guerra-fredda. Apparentemente vinta dall’Occidente.

    • Tatiana

      non vinta, buffo può sembrare, ma la Russia si è ritirata, semplicemente ritirata, anzi, ha cercato la riappacificazione firmando gli accordi di disarmo nucleare e militare, aveva altre cose da fare che avere o no il primato nella guerra fredda, anni 90 da non dimenticare, cambiamenti di rotta e della via di sviluppo. Anzi, per i russi è stato il tradimento di interessi nazionali da parte di Gorbacev che ha firmato ed eseguito gli accordi di disarmo ma gli Stati Uniti-no. Il “nemico” ha cambiato il nome, era “Unione Sovietica” ed è diventata Grande Russia

      • nazionali e internazionali.
        con il crollo dell’URSS e l’avvento del neoliberismo incontrollato, sono peggiorate le condizioni di vita dei lavoratori di tutto il mondo, non solo russi.
        l’unione sovietica faceva da contrappeso allo strapotere americano e delle sue lobbyes economiche.
        senza di l’URSS a fare da freno gli USA si sono rivelati dei pessimi padroni del mondo.
        arroganti, incapaci, avidi e crudeli.

  • Nic

    Ciao a tutti, ciao Giulietto.
    Ho ascoltato e anche letto i commenti di tutti.

    Francamente mi son girati i co glioni leggendo di commentatori che hanno la puzza sotto il naso: vengo da qua, vengo da là, questo non lo voglio a fianco, questo è un ex borghese..e puttanate simili.

    L’obiettivo qual’è? Italia fuori dalla NATO ?
    Sì!

    E allora io mi alleo anche col diavolo per raggiungerlo perchè almeno, intanto, non muoio, e rivolgo le mie risorse verso il convincimento di chi non la pensa come me.
    Fare il giglio nel cesso serve a amntenere lo status quò.

    • no guarda, la puzza sotto al naso proprio non me la puoi imputare.
      come ho detto sono disposto persino a lavorare con chi mi fa schifo, con categorie tipo preti etc.
      l’unica eccezione che pongo, per potermi ancora guardare allo specchio con dignità sono i fascisti.
      altresì, se volessimo caricare a bordo pure loro, in nome della poca scelta…. bhe a sto punto mi verrebbe da chiedere perché non i mafiosi e i pedofili?
      fanno numero anche loro no?

    • alex1

      Se la questione e’ fondamentale, si deve parlarne a tutti, anche se ne convinci solo il 10% e’ un risultato che puo’ essere decisivo.

  • paco

    La questione di fondo è l’imperialismo. Non basta condannare il proprio ma è necessario combattere anche quello altrui. Sembrerà una provocazione, ma la caratteristica che distingue il fascismo ( o il nazionalsocialismo) dal vero socialismo è l’imperialismo.
    E sembrerà una provocazione, ma chi aveva ben chiara questa distinzione era Lenin. Non a caso il suo erede più conseguente, Stalin, si occupò del problema delle nazionalità e lo risolse. Ecco, la discriminante fra destra e sinistra è fra filo-imperialisti e anti-imperialisti in tutte le declinazioni.

  • Wagner Clerk

    Avete bisogno di un prestito? Sei stato alla ricerca di dove ottenere un prestito? Avete cercato di ottenere qualsiasi tipo di prestito? quindi applicare ora? (carlosellisonfinance@outlook.com) se si vuole ottenere un prestito conveniente. Prestito è offerto qui ad un tasso di interesse molto basso del 2%. Contattaci subito se siete interessati.