Details

I miti del successo e del guadagno hanno finito per condizionare la massa dei cittadini che di fronte alla povertà oggi tendono ad accusare gli indigenti di non essersi adeguati alle nuove realtà in epoca di liberismo.

(833)


Ti è piaciuto? Offrici un caffè!


Offri un caffè
  • Mylan Key

    Caro Albanesi, tutto vero e tutto di pu’ ancora, ma tutto normale .
    Il male piu’ odioso che Dio vagliera’, sara’ l’ IPOCRISIA .
    In poche parole, tutto cio’ che faccio penso e uso, quando va’ bene a me ,
    del resto, non me ne importa nulla . Vale per il criminale come per il normale vivente.
    Rimane il comandamento numero UNO , volendo tralasciare tutto il resto che rimane scritto sebbene cielo e terra scompariranno, ma quello scritto MAI fino al vaglio finale : AMA IL SIGNORE DIO TUO , la seconda parte non la scriviamo .
    Sta’ bene inteso che, DIO e’ DIO per tutti , e lo ha scritto da ogni genesi nata .
    Fai e o non fai quello che vorresti o o no vorresti agli altri, che sia fatto o non fatto a te, ne e’ il riscontro SECONDO , ma di questi tempi come da sempre , L’IPOCRISIA lo elude , e sovvertendolo , SI FA’ AGLI ALTRI QUELLO CHE SI GODE E NON SI VORREBBE MAI SI FOSSE FATTO A SE’ , E SI PRETENDE A USO E CONSUMO QUELLO CHE TORNA MEGLIO , e qui entriamo nel farisaico vivere dove sono pochi i mali , avere , odio, indifferenza , separazione , e tanta carne a goderecci vari , COMPRESE LE SODOMITICHE SOSTITUZIONI DEL PIACERE FATTOSI VERITA’ DI MODA E MEDIATICHE INUTILI ma religione .
    Ma a parlarne ci si sbaglia sempre e si spiega nulla , ed e’ quasi tutto legalizzato e giustificato: cosi’ e’ il mondo , ECCO PERCHE’ il Padrone parlava in parabole , PER CHI NON DOVEVA CAPIRE :

    E nella resurrezione davanti a DIo con ogni libro aperto della propria esistenza ,
    SECONDO SPIRITO E VERITA’ LASCIATACI NEL TESTAMENTO DI CRISTO DIO
    ci fu’ la separazione fra PECORE E CAPRE . Tutte e due belavano .

    Avevo fame vera , di verita’ e di giustizia e di umanita’
    Avevo sete vera , di verita’ e di giustizia e di umanita’
    Ero ignudo , e nessuno mi ha coperto in verita’ , giustizia , e umanita’ .
    Le capre risposero: ma quando mai abbiamo fatto tutto questo ?
    Tutto quello che avete fatto a questi piccoli, lo avevate fatto a me .
    E a ME non avete fatto questo e avete fatto l’ opposto .
    Perche’ a ME il grido di tutto questo, e’ risuonato nei cieli , e oggi vi richiama .

    E A SCALARE SU OGNI TEMPO LUOGO E ANIMA ,
    il 666 , la Bestia, il falso Profeta , il Diavolo falso , Satana l’ ipocrita ,
    il micidiale e l’ indifferente egos , con i suoi servitori , furono buttati .
    Dove non lo dico. LO DICE LUI .
    A guardare mondo, realta’ , e singolarmente , ognuno se ne faccia coscienza .

    E nel tempio, questo comune o super uomo, si ergeva, perche’ era sposato , aveva figli, lavorava, faceva la carita’ nel sistema , frequentava le funzioni , aveva un ruolo sociale , era considerato , e tutto gli andava liscio , E NON COME QUEL PEZZENTE in fondo al tempio, che accasciato a terra , con la testa fra le gambe ,
    implorava pieta’ per la condizione che era . Dio guardava oltre l’ ottica umana .

    Oggi nessuno si studia , in ogni rango, se si erge, o se si accascia .
    Nel giorno delle pecore e delle capre , si avra’ la risposta , fra eternita’ e pene .
    IL LIBRO DELLE ISTRUZIONI RIMANE SEMPRE APERTO . E’ IL SUO . ULTIMO.

    PS = E da qui si potrebbe parlare dell’ intero libro , per l’ eternita’ , e che sarebbe ed e’ il centro di ogni soluzione e comprensione. Ma c’e’ tanto di altro , e il LIBRO ne e’ usato e abusato ovunque e in tutti i colori di ogni umano esistere .
    E’ LA RELIGIONE E IL PENSIERO DELLA FOGLIA DI FICO DI GENESI .
    ( le mele , le mangia biancaneve, per i poveri perdenti . Albanesi …. la battuta )
    ________________________________________________________________

  • Pierluigi Scabini

    Viviamo in un mondo che potrebbe essere definito inferno ma è quello che insieme abbiamo creato. Si certo alcuni hanno grandi responsabilità, come elite varie e appassionate del potere, ma tutti siamo responsabili a diversi livelli. Il più grande “male” dell’umanità è adattarsi all’ambiente, adattarsi al sistema vigente, adattarsi per spirito di sopravvivenza, adattarsi al corpo-mente, adattarsi al carattere, adattarsi al sistema sociale, etc. E questo ci porta ad escludere quella parte di noi stessi in grado di cambiare noi stessi e il mondo; il creatore che siamo, quell’elusivo principio dietro le nostre personalità che dorme da molto tempo. Ma questo è oltre la conoscenza del nostro mondo, è nuova conoscenza di noi stessi e del mondo al di là di ogni libro mai scritto. E’ quello che siamo oltre quello che vede gli occhi e il corpo-mente. E’ quello che dovremmo essere (che siamo inconsapevolmente) per ricreare noi stessi e il mondo. E dare il ben servito a tiranni, elite, sistema in cui viviamo. Aiutarci per capire le nostre capacità creative e attuarle. Invece la societa si è spinta su successo, liberismo, economia, come se fosse l’unica cosa possibile. E questo ci ha distrutto anche la nostra sensibilita ad altri, o al pianeta stesso, tutti presi nel vortice di una societa in cui il tempo accellera verso un male di vivere.

    Ma attenzione a pensare che questo vortice prenda dentro tutti e non ci sia possibilita di uscirne. E’ vero che c’è un accellerazione del tempo in cui molti sono presi dentro in negativo, ma osservo anche una accelerazione della consapevolezza che impara a trasformare sia il positivo che il negativo in armonia e che impara a divenire sempre piu libera; la consapevolezza della natura ad esempio e la consapevolezza di chi sta crescendo dentro di se sempre di piu in coscienza della realta e della capacita di viverla indipendentemente dal sistema. E per questo dobbiamo superare i nostri concetti di vita e di morte, anche di Dio………. E’ lo sconosciuto di noi stessi e del mondo e dell’universo oltre la nostra conoscenza umana a cui dobbiamo accedere, per essere una nuova vita, per essere oltre il sistema, per aiutare a rigenerare il mondo, per aiutare noi stessi e magari altri, etc. E in questa presa di coscienza dovremmo imparare ad aiutarci reciprocamente.

    Qui è in atto una morte e una rinascita, a livello individuale e a livello globale.

    Questo mondo potrebbe essere un paradiso e tutti potremmo vivere nell’abbondanza, se ci fosse un APPROCCIO ALL’AMORE CONDIVISO PER TUTTO E PER TUTTI. L’AMORE SU QUESTO PIANETA E’ IL GRANDE SCONOSCIUTO, LA SUA CAPACITA RIGENERATIVA E’ UN GRANDE SCONOSCIUTO……………..

    Il nostro mondo nei mari è infestato da plastica, questo è il risultato del nostro modo di vivere, di questo arrivismo economico, cercate su google “disatro ambientale fanpage” e vedrete; e questo insieme ad altri molti indizi, porta alla chiara conclusione che siamo in un processo di “morte e rinascita”. E sarebbe meglio comprenderlo, comprendendo fortemente chi siamo e che realta abbiamo creato, per comprendere come ricrearci e ricreare……………………. Ma la Terra non è la tristezza di un mare di plastica, la Terra rigenera se stessa e lo sta gia facendo e quelli che ci andranno di mezzo, saremo noi che abbiamo creato quel mare di plastica…………. E questo fa parte del processo di morte e rinascita a livello individuale e globale……….
    Le nostre economie generano morte ambientale e strati di poveri in aumento, ma non abbiamo ripensamento e cambiamento fondamentale del nostro operato; questo scatenera la violenza della natura contro di noi e “il dolore che diamo, ci tornerà indietro”……………. E questo fa parte del processo di morte e rinascita a livello globale che avrà attuazioni che non ci aspettiamo e non conosciamo………

    Ma la Terra rigenererà se stessa, e gli umili e i semplici erideteranno un mondo rigenerato; questo è scritto nell’universale secondo me, ma i drammi umani “da qui ad allora”, in questo momento presente, sembrano inevitabili perche li siamo. Sono evitabili se scegliamo di cambiare come consapevolezza e quello che siamo……….